NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Alimentazione

30-01-2018
Io giudico un ristorante dal suo pane e dal suo caffè
.
(Burt Lancaster)

La maggior parte dei Paesi ha un pane tradizionale, anche se con ricette diverse. In Russia il pane comune è sempre nero, e nel pranzo domenicale sono presenti in tavola almeno tre tipi di pane diversi. In India il pane viene preparato in casa, facilmente e velocemente, perché non è lievitato e viene cotto sulle piastre calde. In Francia il Il pane simbolo è la Baguette. In Scozia, in Irlanda e nel Nord dell’Inghilterra il pane viene preparato con la farina d’avena. In Cina il pane è sostituito dal riso, ma in occasioni speciali è preparato un insolito pane di piccole dimensioni, che viene cotto a vapore.

pane

Il pane fa ingrassare?

In realtà dipende. Pensando alla dieta meglio optare per un pane fatto con la farina integrale, perché quella bianca ha un alto indice glicemico: il glucosio che circola velocemente nel sangue e non viene assorbito si trasforma in grasso. Le farine complesse rallentano invece l'assorbimento degli zuccheri e prevengono l'aumento di peso. Occhio poi a quello che mettete sul pane e che cambia il suo apporto calorico. Invece del burro, ad esempio, optate per un formaggio di capra ricco di proteine e calcio.

Un mito da sfatare è quello del pane che aumenta la ritenzione idrica. Non è vero, o meglio tutto dipende dalla quantità. Se ne mangiamo 75 grammi al giorno non corriamo rischi. E se vogliamo essere davvero tranquilli scegliamo un tipo di pane a basso contenuto di sale.

E per dimagrire, meglio le fette biscottate?

Assolutamente no. Le fette biscottate, a differenza del pane, non contengono acqua e quindi siamo portati a mangiarne di più per sentirci sazi. Inoltre contengono più calorie del pane e hanno un indice glicemico più alto. Meglio una fetta di pane integrale.



 

Sistema di allerta alimentari

11 febbraio 2011 - Nel numero del 4 febbraio di Consumi & Consumi a cura di Vera Paggi è stato affrontato l’interessante tema della sicurezza alimentare, parlando in particolare dell’iniziativa del servizio Igiene e Sanità Pubblica della Valle D’Aosta di pubblicare sul sito della regione un elenco di allerta alimentari.