NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Sistema di allerta alimentari

11 febbraio 2011 - Nel numero del 4 febbraio di Consumi & Consumi a cura di Vera Paggi è stato affrontato l’interessante tema della sicurezza alimentare, parlando in particolare dell’iniziativa del servizio Igiene e Sanità Pubblica della Valle D’Aosta di pubblicare sul sito della regione un elenco di allerta alimentari.

allerta alimentari uova diossinaL’iniziativa della Valle D’Aosta è assolutamente unica nel suo genere e potrebbe rappresentare un’importante rivoluzione. Questo sistema di allerta rapido, spiega Il Dott. Mario Ruffiè, Direttore del servizio Igiene e Sanità Pubblica Veterinaria della Valle D’Aosta, funziona non solo in Italia ma in tutta la Comunità Europea: è stato infatti istituito dalla Commissione Europea con un regolamento comunitario denominato RASFF dall’acronimo Rapid Alert System for Food and Feed (sistema di allerta rapido per alimenti e mangimi) e si basa su un sistema web che mette in rete ministeri, aziende sanitarie locali e regioni. Quando viene individuato un rischio fondato per la salute umana, viene attivato un sistema di comunicazione attraverso l’invio di una serie di documenti che avvisa le regioni interessate e il ministero della presenza di un rischio alimentare e ne specifica i prodotti e gli esercizi commerciali coinvoliti, indicando le azioni da intraprendere, come il ritiro o richiamo del prodotto.
La tipologia di prodotto su cui statisticamente scatta più frequentemente l’allerta è il pesce, in particolar modo le cozze che sono spesso interessate dalle tossine algali.
In tutto ciò purtroppo il consumatore finale rimane spesso all’oscuro di questi rischi ed è per questo che la Regione Valle d’Aosta ha attivato questo servizio utile in cui ognuno di noi può accedere liberamente per verificare periodicamente quali sono i prodotti allertati, quali le ditte produttrici e distributrici, quali i rischi, quali gli esercizi commerciali interessati e, infine, quali i provvedimenti avviati. Per ora sono gli unici in Italia. Auguriamoci che siano seguiti a breve da altri.