NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Ambiente

Con le figurine impari la raccolta differenziata

 28/07/2018 - Con le figurine impari la raccolta differenziata

La prima traccia di raccolta differenziata nella storia contemporanea si ha nella Napoli Borbonica, capitale del Regno delle Due Sicilie, sotto l’amministrazione, illuminata di Ferdinando II. Re Ferdinando fu il primo ad emanare una norma con decreto maggio 1832 che obbligava a mantenere l’igiene nelle strade a possessori di case, negozi, giardini e cortili.

Dal secolo dei Re a quello dei Millenials, il problema della raccolta differenziata si infila tra due guerre, cambiamenti politici e culturali, ma resta sempre un problema irrisolto.

Ci vuole un album

Una nuova idea sul tema nasce a Torino: debutta l’album “La mia prima raccolta differenziata”, pensato per i «nativi ambientali», la prima generazione cioè di bambini nati già con la gamma di cassonetti colorati sotto casa.

L’album ha 96 figurine, ognuna ha una cornice di un colore diverso che richiama la tinta del contenitore giusto : ci sono anche tanti rifiuti «dubbi», quelli cioè difficili da classificare, come il trapano, un contenitore per plumcake di alluminio, gusci di noci, un cd e uno smartphone. Gli stickers sono all’interno, assieme a sintetici post-it in stile «Strano ma vero» di enigmistica memoria, tipo: «Ogni mille chili di carta riciclata si salvano 15 alberi». 0 ancora: «Ogni giorno vengono abbattuti 27 mila alberi in tutto il mondo solo per la produzione di carta igienica». E poi, informazioni utili per piccoli
studenti: «Togli le copertine plastificate da quaderni, diari e raccoglitori».

Questa volta il famoso “celo celo manca” si fa con il torsolo di mela, il guanto di plastica o il tappo di sughero. Una semplice idea che può generare grande consapevolezza.

Spiagge pulite e belle: la classifica 2013 di Lega Ambiente

10 giugno 2013 - Anche quest’anno LEGA AMBIENTE E TOURING CLUB hanno assegnato le 5 VELE DELLA GUIDA BLU 2013 a 15 LOCALITÀ BALNEARI ITALIANE che hanno saputo puntare sull’ecoturismo, valorizzando e tutelando la bellezza e ambiente. Il podio va a SARDEGNA, SICILIA e CAMPANIA dove il primo posto è stato conquistato da POSADA (NU), seguita da SANTA MARINA SALINA (ME) e POLLICA (SA) rispettivamente al secondo e terzo posto. Le 5 vele di Lega Ambiente sventolano anche in: