NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

L'affitto con riscatto

21 novembre 2012 - Sono tante oggi le giovani coppie e le famiglie che vedono svanire il sogno di acquistare una casa nel momento in cui si rivolgono al sistema bancario per la richiesta di un mutuo.

Negli ultimi mesi, infatti, i rifiuti delle banche sui mutui casa sono aumentati in maniera esponenziale. Secondo un dato di mutuiperlacasa.com che risale allo scorso giugno 2012, la percentuale di rifiuti su oltre 5000 richieste di mutuo è passato dal 30% al 50%, con motivazione principale imputabile a redditi insufficienti o a situazioni lavorative incerte. In questo panorama di disillusione e incertezza finanziaria sta prendendo piede la formula dell’affitto con opzione riscatto o patto di futura vendita, una soluzione alternativa al mutuo che potrebbe rappresentare un’ancora di salvezza per le famiglie e le giovani coppie che hanno ricevuto un rifiuto dalla banca o, semplicemente, non possiedono la somma necessaria per l’anticipo. Con questa formula parte di quanto versato dagli inquilini per l’affitto può essere destinato a coprire il prezzo di acquisto della casa. Il canone di locazione non è più a fondo perduto e in modo graduale si diventa proprietari della casa scelta.
Tra i vari costruttori e proprietari immobiliari che concedono questa formula di acquisto, vi segnaliamo il progetto TerraCielo di Rodano, in provincia di Milano, dove una parte delle abitazioni possono essere acquistate mediante la formula affitto/riscatto. Gli inquilini potranno abitare fin da subito gli alloggi scelti pagando un canone moderato e, al termine del periodo concordato (dai 2 agli 8 anni), avranno la possibilità di acquistare la propria casa utilizzando il canone versato come anticipo/sconto sul prezzo di acquisto.

affitto con riscatto

Oltre che per l’adozione di questa nuova formula di acquisto casa, il progetto TerraCielo ci ha colpito particolarmente in quanto rappresenta una modalità di abitazione in cohousing progettata in un’ottica di rispetto per l’ambiente e di attenzione al risparmio energetico. Un vero e proprio condominio solidale ed eco-sostenibile (le abitazioni sono certificate in classe energetica A+) dove le persone, i cohouser appunto, condividono spazi e servizi per favorire la socialità e l’economia di scala, migliorando così la qualità della vita. In una grande corte centrale immersa in un giardino di 2000 mq, i cohouser di TerraCielo possono ritrovarsi per conversare e far giocare i bambini, prendersi cura del corpo in un’area fitness e sauna, fare musica in una zona insonorizzata o dedicarsi semplicemente alle faccende domestiche, come fare il bucato nell’area lavanderia o la spesa per la famiglia, aderendo a un gruppo di acquisto solidale nel locale ricavato per depositare prodotti e provviste.